Shhh #2

Troppi rumori, suoni molesti provano a soffocarti; voci piene di rabbia esprimono il nulla, l’elogio dell’arroganza.

Una parola e clic, parte l’incendio.

E tu sei lì.

Cerchi riparo da quel vento che brucia la pelle, le lettere si uniscono e ti sbattono contro ferendoti.

E tu sei sempre lì.

Immobile, con gli occhi pieni di quel vento, ma perché non te ne vai?

Non puoi muoverti, ma te ne vai via lo stesso.

No, tu non distruggi, tu costruisci strade, ponti e oceani, e lentamente ti allontani; in punta di piedi dai vita alla tua bolla.

Strana la vita, spendi tempo, parole e energie per distruggerle le barriere e poi…

E poi?

E poi semplicemente ti rifiuti di scendere nel fango, e ti ripari con l’arma del silenzio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: