Scheletri

Lo nascondi, ma è sempre lì pronto ad attentare la rassicurante banalità quotidiana; e allora ci riprovi… niente da fare, scivoli ancora, inciampando sulle tue parole.

Cumuli di lettere lasciate a prendere polvere che improvvisamente si riaccendono, vorresti scrollarti il grigio di dosso, però la ragnatela si stringe alla gola minacciando tormentosi respiri.

Il fiato gonfia il petto e vecchi fantasmi brillano nel buio, nel tuo buio, quello che un tempo ti proteggeva isolandoti nel deserto.

E adesso?

La crisalide spinge nel bozzolo, ma troppe zavorre gravano sulle sue ali, e non ci provi più fingendo di dimenticare.

Fin quando reggerai quest’urto?

Non lo sai, guardi la sabbia scorrere tra le dita fissando lo scheletro ancora nell’armadio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: