La giostra

Fiumi in piena alzano una vorticosa polveriera, e poi cosa rimane di tutto questo dolore?

Ti godi il fumoso silenzio delle macerie, osservi il passato, ma vuoi chiudere gli occhi.

A cosa è servito arrivare fin qui?

Cerchi di riempire il vuoto, ma il tempo scorre inesorabile; scivola via, lontano, attraversando lo spazio effimero dei sentimenti.

Non c’è più paura, i sogni si dissolvono nel grigio, e tu non ci provi neanche più; ne vale ancora la pena?

Sei stanca, il fuoco si attenua e ricominci a scendere; nuove curve ti spingono in basso per poi lanciarti verso l’alto.

Oscilli nel vento arido, serri le palpebre e stringi i pugni; non puoi cedere, non ora.

E allora si riparte, la giostra gira anche se non vuoi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: