Più su

Hai ragione, scusami, però non ti ho abbandonato, era solo una pausa dal groviglio scuro che ogni tanto riappare; se ne sta lì, nascosto nell’ombra e poi… e poi all’improvviso ti sfiora.

Si avvicina, sottile come una lama, e pian piano ti avvolge con le sue spire.

Tempo, chiedi solamente del tempo per tornare nel presente, ma non ce n’è; ti isoli nel tuo vuoto chiudendo le ali.

Scivoli in basso, centimetro dopo centimetro si sgretolano le tue certezze e cadi. Sempre più giù.

E poi… e poi accade di nuovo; il punto accenna un movimento e ridiventa una virgola.

Una danza che lascia senza fiato; fluttui nell’aria timida e l’attimo dopo stai sondando il grigio delle tue paure.

Resti lì, a crogiolarti nel deserto fin quando un soffio caldo ti solletica la pelle; e allora si ricomincia.

Sali piano, il ricordo del buio fa ancora paura; un passo e stop, ti guardi intorno e istantanee da un passato troppo recente ti precipitano addosso.

Ti fermi, respiri, ma stringendo gli occhi continui a salire, lentamente, un po’ più su; stop, per adesso può bastare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: