Un lampo tra la polvere

Quanto dura un'emozione? Un minuto, un'ora o forse due? Dipende... a volte non conosce limiti né confini. Esatto, io cerco proprio quella! Cercavo. Una luce brilla in fondo al pozzo e l'orologio inverte le lancette mentre gli occhi si inumidiscono. Era quello che volevi o no? Era solo ciò di cui avevo bisogno per rigonfiare... Continue Reading →

Ridiamoci su

Un sorriso storto è più ironico o deluso? Lo sguardo sfuggente si nasconde nella sciarpa, fingo indifferenza, ma un po' ci rimango male. Sfiancanti pomeriggi passati sulla pista ad allenarci, risate e confidenze... e allora cos'è quel pallore? Ah, ho capito! Forse la mia sedia ha il potere dell'invisibilità, che stupida a non pensarci prima.... Continue Reading →

Ormai è tardi?

E aspetto, aspetto una risposta che non arriva. Sono anni che sto alla finestra e adesso ho detto basta, ma nessuno risponde e forse mi sta bene. Non ho mai capito la frase "la felicità è una scelta", anche perché chi sceglierebbe di essere triste? No, in effetti la colpa non è di UNA scelta,... Continue Reading →

Nonostante tutto

Tornano le luci, anche se quest'anno c'è poco da illuminare... e non solo per la crisi. Non mi lamento, c'è chi muore per farlo e nonostante tutto lo fa, armato solo di voce e coraggio. Esatto, di voce, non di chiacchiere. Il fango scorre, corre verso il mare travolgendo la vita. E sì, una reale... Continue Reading →

Una giornata “diversa”

Tanti auguri. Grazie, ma perché? Ma come, oggi è la NOSTRA giornata. No, ti sbagli, ormai siamo nel 2022 sei sicura che ce ne sia ancora bisogno? E Sì, purtroppo ne abbiamo la necessità, troppa ignoranza. Eppure se ne parla, che fine ha fatto l'inclusività? Nel falò delle buone intenzioni, e se pensi che solo... Continue Reading →

Speciale

Ci vuole un pizzico di fantasia e tra un ipertono e un nistagmo scorgi un raggio di sole, ma no, sono ben due. Oggi sarà una bellissima giornata! Sei sicura? Non vorrei rompere l'illusione, ma... hai pensato che potrebbe essere la diplopia? Uffa, è che ci avevo creduto! Vabbè, posso sempre far finta che siano... Continue Reading →

L’autografo

Ieri ho messo una firma, sì esatto, ho scritto. Ma non al computer, ho impugnato una penna e ho scritto. Ho visto l'inchiostro uscire dalla punta della biro, nera, classica, una biro insomma; quei segni lasciati dall'inchiostro seguivano la mia mano componendo il mio nome. Ho firmato. Sembro matta, quante volte l'ho fatto? E chi... Continue Reading →

Riflessioni a… punta

Sono stanca, sì, sono stanca del passato e del suo modo circolare. guardarsi indietro e avere dei rimpianti... e chi non ce l'ha? Sono rimasta a guardare, ma intanto la sabbia scivolava via e che è rimasto? Cenere, solo mucchi di cenere. Era da un po' che ci pensavo, e sono stufa di non potermi... Continue Reading →

Fumo

Basta così poco e all'improvviso non ti ricordi nemmeno cosa è successo. Sei lì, ma come ci sei arrivata? Un crescendo di emozioni ti ha sedotta e abbandonata, e adesso? Il silenzio tesse la sua fitta ragnatela isolandoti, non c'è più spazio per la paura e stavolta non è più un tuo alleato. Hai fatto... Continue Reading →

Shhh #3

Di nuovo il fuoco. L'incendio divampa all'improvviso, rabbioso e inopportuno, un rancore malcelato erutta surriscaldando l'aria di vergogna. Un asilo di fango a cui ti sottrai, no, non ne puoi più di questi eccessi. Ci risiamo, sempre lo stesso vuoto, il solito elogio dell'arroganza che tenta di sfodare il cristallo. Si squarcia il velo del... Continue Reading →

Ciao nonno

Ciao nonno, oggi sono ventidue anni da quando te ne sei andato, ventidue anni da quella carezza che ancora mi accompagna. Sì, perché prima di andartene mi hai salutato, hai attraversato ogni barriera per farlo, e io non lo so dire. Come spiegare il nostro legame? Le parole sembrano vuote davanti a tutto quell'amore. Te... Continue Reading →

Futuro

E non lo so, magari se... no, questo è un gioco al massacro e non me lo posso permettere, certo, a volte è difficile perché i pensieri corrono dove fa più male; e non c'è niente da fare, ci casco sempre, sempre lì, sempre nello stesso punto da dove non si può tornare indietro. Un... Continue Reading →

Quando piove

Una goccia scivola sul vetro, con gli occhi seguo il suo tragico percorso, e mi ricordo di quanto ti piacesse la sua voce. E sì, adoravi l'intensità del suo scroscio che riempiva il tuo silenzio. Ti ricordi di quell' odore carico di pioggia, quello che sapeva di aghi di pino? Certo che sì, ancora oggi... Continue Reading →

Succede

Succede anche questo, sì, purtroppo accade, ma quando sei al buio hai solo voglia di non sentire, di sparire in quella nuvola nera. Non parli, tanto a che serve se nessuno ti ascolta? Stai tremando, ma non hai freddo. Ti rifugi nella tua oscurità, lei è l'unica a capirti. Non senti più dolore, e le... Continue Reading →

Nuovi oracoli

Lo ammetto, da esponente della generazione X l'ho fatto anche io, anzi, lo faccio e lo farò perché ormai è un'abitudine... REWIND Dopo l'antica civiltà Greco-Romana, il Rinascimento, il Romanticismo e tutte le avanguardie artistico-letterarie del '900 il firmamento si è arricchito(?) di una stella che negli anni ha dato il via a una nuova... Continue Reading →

Immobile

Eppure mi sfiori... ma non mi vedi, pelle contro pelle, ma continui a non vedermi. E allora urlo, ma non mi senti. Non più almeno. Ho chiuso tutto e ho cercato di dimenticare, con un unico risultato, il peggiore, ma a me sembrava una salvezza. Ho scambiato il tenue bagliore di una candela per la... Continue Reading →

Non lo so

Tradurre i pensieri in parole è la mia terapia, ma a volte il vento non riesce a scacciare le nuvole, non tutte almeno. E allora riparte l'altalena: su, giù e poi di nuovo su in un crescendo emotivo che precipita all'improvviso, senza controllo. Un turbinio che mi spezza dentro, una continua vertigine che attraversa anche... Continue Reading →

Attesa

Fa caldo, dicono che sarà un sabato infuocato, ma a me non interessa. No, oggi non m'importa. Le cicale riempiono l'ara che si va pian piano incendiando, ma a me non interessa, anzi, mi fa compagnia; il ronzio dei decespugliatori si unisce al concerto mentre sale l'odore inebriante dell'erba appena tagliata. Ma oggi non c'è... Continue Reading →

(Ri)eccoti

Finalmente. Sì, finalmente ti rivedo, accucciata e impaurita che fingi di essere forte; pensieri troppo grandi si affollano nella mente, non li sai gestire, o, forse sei in grado di farlo, ma non lo sai. No, tu non lo sai. Attenta. Fai attenzione perché stai gettando le basi dell'armatura, e intanto i fantasmi s'ingigantiscono. Hai... Continue Reading →

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑